Festival dei Nuovi Tragici al Teatro Lo Spazio dal 20 al 25 gennaio 2015


21 gennaio 2015 
Sono le 21 circa e sul palcoscenico del teatro Lo Spazio, appare un attore in camice bianco intento a ballare un pezzo rock, è voltato di schiena e non si accorge che lo spettacolo è cominciato; E' Maurizio d'Agostino, che fingendo di lavorare in una casa di cura come psichiatra, presenta i cinque casi clinici che stasera con le loro storie assurde, hanno inaugurato la prima delle cinque serate del Festival dei Nuovi Tragici, con monologhi comici scritti e diretti dall'attore e regista Pietro De Silva. 
Davanti a un pubblico giovane e curioso, si sono esibiti gli attori Jacopo Zonca con "Dio c'è", Ylenia Assogna Pilo con la "Maga", Luca Attadia con "La gita", Francesco Paolo Albamonte con "Stimmate" e Alessio D’Amico con "Ballerino inutile".
In ogni monologo, della durata di venti minuti circa, i cinque talenti hanno affrontato tematiche religiose, oppure viaggi allucinanti e divertentissimi come "La gita" da incubo di Luca Attadia, che ho trovato irresistibile insieme ad Alessio D'Amico, vestito da ballerino ambiguo e senza speranze. Dei due attori appena citati, ho apprezzato la mimica e la scioltezza linguistica e la capacità di trasportarmi in poco tempo, nel loro mondo assurdo, fatto di umane debolezze e imprevisti estenuanti, recensioni umilianti e balletti ridicoli, insomma questi ragazzi sono stati tragicamente comici. Un applauso di cuore lo rivolgo anche al bravissimo e divertentissimo Maurizio d'Agostino e al grandissimo Pietro De Silva, sostenuto dal Maestro Verdinelli. 
Torna finalmente in teatro una rassegna storica, che dal 1990 al 2003 ha divertito il pubblico con monologhi interpretati da attori noti tra cui Enrico Brignano, Flavio Insinna, Neri Marcorè, Paola Cortellesi, Francesco Pannofino e Massimiliano Bruno.
 La rassegna proseguirà fino al 25 gennaio 2015 al Teatro Lo Spazio, in Via Locri, 42 - 00183 Roma (San Giovanni, una traversa di Via Sannio) 0677076486 - 0677204149 info@teatrolospazio.it. Prenotate il vostro posto perché ridere fa bene alla salute!

di Tania Croce

Nessun commento:

Posta un commento

PennadorodiTania CroceDesign byIole