Paolo Graziosi è Edipo in Compagnia al Teatro Lo Spazio dal 21 al 26 ottobre 2014

Il Ciclo tebano del tragediografo greco Sofocle, con la storia collettiva della famiglia di Edipo, prende vita sulle tavole del palcoscenico dello Spazio, grazie ad Alberto Bassetti, l'autore e il regista di questa pièce,
che ha adattato la vicenda di uno dei personaggi più tormentati della drammaturgia classica, ripercorrendone gli ultimi tempi a Colono, dove cieco e frustrato dai ricordi, tenta invano, con l'aiuto della figlia Antigone, di comprendere il misterioso volere degli dei per aver scritto un destino tanto crudele. La discesa nell'Ade, non sarà possibile se prima Edipo non farà chiarezza dentro di sé. In un gioco di travestimenti e suggestioni, supportati dalle sonorità di Francesco Verdinelli, Paolo Graziosi e Elisabetta Arosio, sembrano tornare dal passato, conducendo lo spettatore in questo speciale viaggio nel tempo che gli consentirà di scoprire come il tragico dolore di Edipo, sia quello di un uomo costretto a recitare un copione senza poter far nulla per cambiare una sola battuta. L'Edipo e L'Antigone usciti dalla penna di Bassetti, sono un uomo e una donna smarriti eppure ironici, divertenti ed eroici, che accettano le scelte del fato in modo coraggioso. 
V'invito a vederlo per comprendere il senso della catarsi, ossia di quella purificazione spirituale suscitata dall'arte e in questo caso dal teatro. Ho immaginato di essere al Teatro di Dioniso ad Atene, dove l'Edipo a Colono di Sofocle, venne rappresentato postumo nel 401. a.C.

di Tania Croce

Nessun commento:

Posta un commento

PennadorodiTania CroceDesign byIole