Paolo Perelli è Pirandello in bianco e nero a Essenzateatro 17 e 18 aprile 2015

Luigi Pirandello, l'amatissimo scrittore visionario e ironico del secolo scorso, insieme ai suoi personaggi con cui ogni giorno si dava appuntamento per coglierne l'essenza e metterla su carta, ha corteggiato un artista sognatore e immenso, un attore e regista d'incredibile bravura come Paolo
Perelli che ha vestito i panni dello scrittore e dei suoi personaggi nell'atto unico ad essi ispirato.
I personaggi disperati e pieni di vita e follia delle sue novelle, attendono lo scrittore concentrato a scrivere a macchina dietro la sua scrivania, sono inanimati, illuminati, finché diventano reali e vivi, anzi, immortali, perché loro, a differenza degli altri uomini e del loro autore, non moriranno mai.
La miseria della quotidianità per Belluca, un impiegato contabile sopravvissuto al dolore che si consuma nelle quattro mura domestiche, il vaniloquio dopo aver udito il fischio di un treno (da "Il treno ha fischiato") oppure il tema dell'incomunicabilità e la malattia nel dramma borghese "L'uomo dal fiore in bocca", la potenza misteriosa della vita che si rinnova ogni giorno e l'amara ammissione di un destino ineluttabile, ossia i temi racchiusi in alcune delle novelle pirandelliano che Paolo ha messo in scena, usando diversi registri linguistici e passando da un abito all'altro, trasformandosi in uno, nessuno e centomila volti, sorrisi, lacrime, esaltazione, amore per la vita in bianco e nero, tra le note indimenticabili di Modugno, Carmen Consoli e Moby. 

I sogni di Pirandello e il suo testamento al mondo, è il messaggio di uno scrittore e di un uomo mortale, che ha saputo lasciarci personaggi vivi e vegeti che un artista speciale e sensibile come Perelli ha ricordato, omaggiando lo scrittore e drammaturgo di Girgenti ed emozionando immensamente il pubblico nella prima del suo atto unico "Pirandello in bianco e nero" che questa sera sarà di nuovo in scena.

di Tania Croce


3 commenti:

  1. Peccato avermelo perso...Paolo Perelli è un attore magico che sa dare alle opere che di volta in volta porta in scena la sua magia ....Grande PAOLO !!

    RispondiElimina
  2. Peccato!!! Ma cara Tania mi fido di te... Che peccato non averlo visto!!!

    RispondiElimina

PennadorodiTania CroceDesign byIole