Uno Nessuno Centomila con Enrico Lo Verso al Sala Umberto

Le parole, quelle pronunciate dal protagonista del romanzo più rappresentativo di Pirandello,
risuonano cariche di sfumature dialettali nella performance di Enrico Lo Verso e si riempiono di tutti i colori della terra da cui provengono l’attore e lo scrittore, uniti da una visione poetica della realtà e la comunità, riduce l’individuo a sentirsi una nullità, sensazione questa alienante e detestabile dalla quale Vitangelo Moscarda desidera ardentemente fuggire per rinascere nuovamente libero. In questo monologo a tratti ironico e struggente, l’attore diventa la coscienza dello spettatore catapultato dentro se stesso ad analizzare e riconoscersi nella crisi di Moscarda e a essere solidale col personaggio pirandelliano che confida il suo smarrimento tentando di superarlo, magari attraverso l’amore per un’altra donna, ma questa sicuramente non è stata una giusta intuizione. L’abito bianco indossato da Lo Verso mostra la purezza e il candore del personaggio ripulito da ogni convenzione e contratto, e libero di essere se stesso. Il nome è solo un'etichetta attraverso la quale il prossimo lo individua, e dentro cui sente di essere non più uno e riconoscibile allo specchio della sua coscienza ma nessuno. Tutti i rapporti, sia quello coniugale che quelli di lavoro, insomma, la sua vita sociale e privata è condizionata da questa profonda crisi d’identità rappresentata sulla scena dagli specchi con cui l’attore si relaziona, come avessero il potere magico di restituirgli il suo reale volto. Alessandra Pizzi la regista, ha abilmente diretto lo straordinario attore che in 70 minuti ha espresso il senso di un romanzo così profondo e attuale. Questo spettacolo, come dice la regista “rompe gli schemi, toccando uno dopo l’altro i conflitti di un’esistenza”.
Uno nessuno centomila, nell'adattamento di Alessandra Pizzi, è come una seduta di psicoterapia, dove l’attore non riesce a dare delle risposte, però lancia quesiti che sarà necessario elaborare nel tempo.


Di Tania Croce 





Nessun commento:

Posta un commento

PennadorodiTania CroceDesign byIole