Essere o non essere Mattia Pascal? Ce lo spiega Pino Quartullo a teatro

Le storie raccontate da Luigi Pirandello hanno il grande pregio di essere teatrali. I personaggi che creò e descrisse, attingendo alla realtà come Mattia Pascal, un uomo di poche pretese, oppresso dalla quotidianità, possono essere baciati dalla fortuna, lui per esempio è stato privato della propria identità.
In costante oscillazione tra il voler essere qualcun altro e il non essere più, il conflitto pirandelliano è interpretato con perfetta armonia da un architetto che ha scelto di essere attore e regista: Pino Quartullo.
E' bastato al protagonista del noto romanzo, nel suo adattamento teatrale, un abito chiaro sapientemente scelto dalla costumista, un cappello, un paio di occhiali da sole e una sigaretta, per tradurre il desiderio del pubblico di adeguarsi al cambiamento, solo nella finzione.
E' stato un successo di pubblico e di stampa quello abilmente diretto da Ferro che proseguirà a Sarsina il 22 luglio 2018.

di Tania Croce


2 commenti:

  1. Un grande attore,che riesce sempre a calarsi nell'umanità più recondita del personaggio che di volta in volta va ad interpretare...qualità propria di un grande attore...W Quartullo !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo su tutto! Grazie per il commento Padreterno!!

      Elimina

PennadorodiTania CroceDesign byIole