LEONARDO E IL FOGLIO PERDUTO

Lunedì 4 novembre - ore 21.00


LEONARDO E IL FOGLIO PERDUTO
Unico Concerto/Evento


Teatro Regio Torino


Piazza Castello, 215 - Torino

Filarmonica Teatro Regio Torino


Musiche Composte, Orchestrate e Dirette da

Stefano Fonzi

Solisti:


Paolo Fresu (tromba)
Albert Hera (voce)
Torino Jazz Orchestra
 Fulvio Albano – leader (sax tenore)
Valerio Signetto - Gianni Virone (sax contralto)
Nicola Tonso (sax tenore) - Helga Plankensteiner (sax baritono)
Martin Ohrwalder - Mirco Rubegni - Sergio Bongiovanni - Felice Reggio (trombe)
Luca Begonia - Stefano Calcagno - (tromboni) Aldo Caramellino – (tromboni)
Gianfranco Marchesi - (trombone basso)
Gianluca Tagliazzucchi (pianoforte)
Aldo Zunino (contrabbasso)
Marco Tolotti (batteria)

con la partecipazione straordinaria dell’attore


Pino Insegno (voce narrante)


Testi e adattamenti di Giommaria Monti


Conduce la serata:
Marco Basso - critico musicale de ”La Stampa”


In anteprima internazionale, per il Moncalieri Jazz Festival, un'opera musicale moderna composta e diretta da Stefano Fonzi con un cast di eccezione. Lunedì 4 novembre alle ore 21:00 al Teatro Regio di Torino andrà in scena “Leonardo e il foglio perduto”, una composizione che prende spunto da due grandi opere di Leonardo conservate nei Musei Reali di Torino, “Il Codice del Volo” e “L’Autoritratto”. L’opera interpreta il grande sogno di Leonardo, quello del Volo, che per tutta la vita ha caratterizzato i suoi studi. Il concerto proprio per rendere omaggio al genio sperimentale vinciano, si avvale anche di tecnologie all’avanguardia, che vedranno la proiezione di fotografie, concesse grazie alla collaborazione dei Musei Reali di Torino, rappresentanti l’Autoritratto e Il Codice del Volo, messe in relazione con altrettante foto e video del Pop.Up Next (Drone come mezzo di trasporto volante senza conducente) e la nuova auto gran turismo elettrica “Da Vinci", disegnata e realizzata nel 2019 dalla Italdesign, il cui prototipo è stato ideato, disegnato, progettato e costruito negli stabilimenti di Moncalieri. Per l’ingegneristica del genio italiano, la “Da Vinci” è realizzata con una particolare apertura delle portiere ad “ali di gabbiano” collegandola ancora una volta al sogno del volo leonardesco. Gli interpreti d’eccezione a livello internazionale coinvolti in questo meraviglioso progetto sono la Filarmonica Teatro Regio Torino, la Torino Jazz Orchestra e due grandi solisti Jazz quali Paolo Fresu e il vocalist Albert Hera; i testi sono scritti da Giommaria Monti e saranno letti ed interpretati sul palco dall'attore e doppiatore Pino Insegno.


TRAMA:

L’autoritratto di Leonardo, conservato nel caveau della biblioteca Reale di Torino, ritrae un uomo solo e stanco, ormai anziano. Sembra essere disinteressato al mondo che lo circonda, consapevole che la vita volge al termine. In ogni linea del suo viso, negli occhi che non sembrano guardare più lontano come un tempo, Leonardo ha rappresentato se stesso nell’intimo: ogni ruga è un pensiero, un’idea, un progetto, un qualcosa che ha realizzato o che avrebbe voluto realizzare. È il sogno che lo ha accompagnato per tutta la sua vita di artista, scienziato, inventore: volare. Sin da quando era bambino, infatti, era il suo sogno e per tutta la vita studierà la meccanica del volo, progetterà macchine volanti, riempirà di calcoli e appunti i suoi quaderni e soprattutto il Codice del volo degli uccelli custodito a Torino: 18 fogli fronte-retro, un quaderno di appunti come ne aveva scritti a decine negli anni. Annotazioni, schizzi, disegni completi e altri solo abbozzati. Come molte delle opere che Leonardo non ha mai finito. E proprio lì, in quel codice, qualcosa sembra mancare: la macchina del Grande Nibbio, disseminata in quelle pagine, non ha una sua compiutezza. Il suo sogno Leonardo non riuscirà a realizzarlo, ci vorranno quattro secoli prima che una macchina volante più pesante dell’aria si sollevi da terra con un uomo a governarla. Proprio come aveva immaginato il genio da Vinci, proprio come quei disegni abbozzati e non realizzati. Proprio come Il Grande Nibbio che nel Codice manca completo. C’era? Leonardo lo ha mai ultimato? È andato forse perduto nei mille viaggi che il Codice farà da Parigi, dove Leonardo lo porta e lascerà morendo al suo assistente Francesco Melzi? Era magari tra i moltissimi fogli persi o nascosti oggi chissà dove? Qualcuno se lo chiede osservando il ritratto di Leonardo nella sala della biblioteca Reale di Torino e leggendo il codice conservato lì. Rivede la vita di Leonardo alla luce di quel sogno, della scoperta che cambierà la storia dell’umanità. Qualcuno che segue il cammino interiore, le opere e la vita di Leonardo tra eventi storici realmente accaduti, tra I Medici a Firenze e Ludovico il Moro a Milano, tra Cesare Borgia e Michelangelo. Qualcuno che è legato al genio di Vinci, figlio di un notaio e di una cameriera di un’osteria di Anchiano. Un figlio illegittimo, in un’epoca straordinaria e crudele. Una storia che comincia nel famoso autoritratto, dentro le pagine del Codice del volo e diventa immaginazione in quel foglio che forse manca, forse non è esistito mai. È il grande sogno che Leonardo ha inseguito per tutta la vita: permettere all’uomo di volare.




Informazioni: 011/6813130 – info@moncalierijazz.com


Associazione C.D.M.I. Strada Privata Nasi, 47 – Moncalieri (TO) -

Responsabile della comunicazione: Giorgio Cremona


Tel/Fax + 39 011 6813130- Cell + 39 338 8903789


giorgio.cremona@moncalierijazz.com



Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni

+39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.it


2 commenti:

  1. Uno spettacolo molto interessante sicuramente. Un sogno che ha segnato la vita di Leonardo e che alla fine è stato realizzato, anche se non da lui.
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
  2. Leonardo con i suoi studi e le tue ricerche ha gettato le basi per svariate e utilissime invenzioni dalla bicicletta all'aereo e ricordarlo in modo idoneo lo trovo giusto e interessante! Peccato non essere stata presente all'evento piemontese di cui ho dato notizia perché merita!

    RispondiElimina

PennadorodiTania CroceDesign byIole