Intervista al Padreterno

Chi siamo, da dove veniamo, chi ci ha creato? Sono quesiti che ci poniamo da secoli e per i Cristiani la risposta è Dio. Indovinate quale altro scherzetto ci ha combinato l’Onnipotente? E’ sceso sulla Terra in carne ed ossa per farsi conoscere dagli uomini che gli rivolgono preghiere da un’eternità. E’ un Signore distinto Guido del Cornò, parla in napoletano ed è pronto ad ascoltare le lamentele ed i guai di Cesare (Alessandro Tozzi) e Giuditta (Michela Trombini), i primi due uomini incontrati dal Dio “ganzo”, che saranno il frutto di una sua distrazione al momento della creazione o sono dei veri e propri errori di progettazione?
Questo illuminante creatore di mari e monti, di anime e ‘cicli’, potrà essere cristiano o buddista, ma non sopporta la corruzione dei politici e si rende conto dopo il confronto con gli uomini, che effettivamente ci sono parecchie cose che non vanno in questo mondo. Presentato dalla Compagnia amatoriale delle Giuggiole, l'atto unico scritto da Guido del Cornò affronta tematiche sociali e dubbi esistenziali che si alternano con ironia e leggerezza tra fanfare dei Kiss e canzoni napoletane in questo inno di pace e fratellanza “e no e guerre, e guerre no”.

aprile 2011

di Tania Croce

Foto dello spettacolo in scena alla libreria di Montopoli e al New Egon di Roma


Nessun commento:

Posta un commento

PennadorodiTania CroceDesign byIole