Ironica, educativa e molto green Emanuela Grimalda al Golden. L'intervista

“Se Dio fosse una donna il mondo sarebbe più divertente o quantomeno con più buonsenso. Un Dio come noi, con qualche chilo di troppo, perché anche lei come l’universo tende ad espandersi, con le rughe, che inciampa nei Buchi neri nella corsa incessante a fare cento cose alla volta sul tacco 12 per giunta! Ubiqua, come solo una donna sa essere. Un Dio insicuro perché una donna anche se è Dio fa fatica a crederci”. Emanuela Grimalda.

L'attrice mi ha rilasciato un'intervista che pubblico prima della replica di domani lunedì 20 gennaio 2020 al Teatro Golden.

L'intervista di Tania Croce

Sarà in scena il 20 gennaio 2020, il tuo monologo intitolato Dio è una signora di mezza età, è uno spettacolo indubbiamente ironico anche sul ruolo della donna oggi? 

E' uno spettacolo dove mi diverto a mettere insieme l'alto e il basso immaginando questo dio donna che crea i pianeti ma che fa anche ottimi tiramisù. Mi diverto a immaginare un mondo spostando il punto di vista. Siamo abituati a pensare che la creazione sia maschile, io dico bé se lì sopra ci fosse una donna quali sarebbero i suoi miracoli, come funzionerebbe il mondo che tipo di dio sarebbe lontano della narrazione che ne abbiamo avuto. Mi servo di questa metafora per parlare degli essere umani non degli dei.

Per gli Indiani d'America, alla base della creazione c'è una dea madre. Il discorso cambia per i Cristiani. Dio padre creò il cielo e la terra, l'uomo e dalla sua costola, la donna. Nel tuo monologo ipotizzi simpaticamente che Dio sia una donna. Perché?

In moltissimi miti della creazione c'è la dea madre, facendo una naturale correlazione tra la procreazione e la grande creazione. Nel corso del tempo le cose sono cambiate. Immaginando un Dio donna dico che non avrebbe fatto l'essere umano dal fango con lo sputo ma l'avrebbe fatto con acqua e farina. 

Se fossi un uomo, quali cambiamenti apporteresti? Non so, sceglieresti una donna come presidente della Repubblica e come papessa?

Gli uomini il potere se lo tengono stretto. Mi diverto a fare il capo supremo in questo spettacolo, lancio il cuore più in alto attraverso la fantasia. E' un invito a vedere il mondo da un altro punto di vista, volgendo lo sguardo là dove non siamo abituati a guardare. L'artista ha il compito di fornire sorridendo (nel mio caso) una visuale diversa e alternativa delle cose.

Se fossi Dio come indurresti l'uomo a salvare il mondo?

Nello spettacolo mi diverto a minacciare l'uomo in questo grande giudizio universale utilizzando un grammelot veneto per rendere questo Dio divertente. Se non abbiamo la paura di un castigo non riusciamo ad avere una consapevolezza. Dico: "Non capite che se avvelenate questa terra ai vostri figli lascerete questa terra avvelenata?) Ci muoviamo senza pensare al domani. E' anche molto green questo spettacolo.

Cosa aggiungere a quanto detto dall'attrice e autrice Emanuela Grimalda.
Non ci resta che andare a immaginare se Dio fosse una signora di mezza età al Teatro Golden!

3 commenti:

  1. Se Dio fosse donna avrei la mia candidatura da presentare...come mamma,psicologa,compagna e moglie fedele al suo ruolo scelto col cuore...naturista adoro tutto ciò che mi circonda,nutrizionista( cerco il meglio per la mia famiglia e chi mi frequenta!)perché no pure per la mia cucina e i miei tiramisù??!!oggi mi sono un pò lodata...ma forse nel corso della mia vita ho cercato di fare sempre cose giuste...grazieeee sempre a Tania Croce per la sua ironia usata in questa intervista e naturalmente all'attrice che porterà in teatro questo spettacolo comico!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo tiramisù è sicuramente il più buono di tutto il creato! Grazie come sempre per essere passata, sei la numero uno!!!

      Elimina

PennadorodiTania CroceDesign byIole