Natale in casa Cupiello il film di Edoardo De Angelis

 In un'atmosfera insolita come quella che stiamo vivendo, il film di Edoardo De Angelis ispirato alla celeberrima e magnifica commedia Natale in casa Cupiello di Eduardo De Filippo arriva come un fulmine a ciel sereno il 22 dicembre 2020 in tv, mentre cerchiamo di organizzare la visita alle rispettive famiglie dal 24 dicembre al 6 gennaio, rispettando i divieti. Non importa che le nostre famiglie siano unite e felici oppure disperate e insoddisfatte, come quella di Luca Cupiello, quella scritta da Eduardo nel secolo scorso, è una storia che ci tocca da vicino e attraverso la quale s'imprime come il drammaturgo, attore e regista geniale, attuale e immortale.

Il grande pubblico ricorda la commedia natalizia di Eduardo nella versione televisiva del '77 con un cast pazzesco da Pupella Maggio nei panni di Concetta e Luca De Filippo, il Tommasino viziato e scontroso capace di scrivere una lettera alla mamma di una bellezza indescrivibile.

Le famiglie non cambiano, mutano gli attori, al posto dell'inimitabile Eduardo nei panni dell'eterno fanciullo, ingenuo e ironico, sospeso nel suo mondo visionario in cui il presepe costituisce la sua dimora ideale, con gli amati pastori, l'acqua vera e i tre re Magi, c'è un Castellitto più autoritario, sanguigno e aggressivo che si allontana dalla psicologia elementare e incantata di Eduardo, più realistico e imponente, serioso e malinconico.

Marina Confalone è stata un'ottima Concetta in un crescendo di disperazione e rassegnazione, propria di una moglie che cresce sola i due figli senza il supporto di un marito perso nelle sue fantasticherie.

La bella musica di Enzo Avitabile riempie i vuoti incolmabili.

Mentre quella di Eduardo è una tragedia che fa ridere, questo film girato a Napoli, una città innevata e calorosa, riempie il cuore di malinconia.

Credo sia un bell'omaggio alla drammaturgia eduardiana, un film che tocca il cuore.

Grazie Eduardo e grazie Edoardo per il film

4 commenti:

  1. Sono d'accordo. Al netto delle critiche gratuite che i soliti social hanno riversato, anche il film tocca corde profonde e malinconiche grazie al meraviglioso testo di Eduardo. Grazie per la sua recensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eduardo lo studiai alla Sapienza con Ferruccio Marotti, il critico e insegnante che portò Eduardo De Filippo al Centro Teatro Ateneo per le sue famose lezioni di teatro, non a caso mi laureai con una tesi sul Tommaso d'Amalfi, lo straordinario dramma storico del '63 sulla vicenda di Masaniello.

      Elimina
  2. Tantissimi auguri per un Santo Natale sereno nonostante tutto cara Tania.
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti auguro buone feste e buon anno Maria, estendendo l'augurio alla tua famiglia!

      Elimina

PennadorodiTania CroceDesign byIole